Abbiamo deciso di ripetere l’esperienza della scorsa settimana e di andare anche questo pomeriggio a raccogliere more. Prepariamo un cambio di vestiti per i bambini, li andiamo a prendere a scuola in macchina e ci dirigiamo verso Currach Woods dove, l’ultima volta che siamo andati, abbiamo notato tantissimi rovi di more pieni di fiori e dove, se non ricordiamo male, non c’è ortica (o almeno non ce n’è molta) e quindi sarà più facile per i bimbi aiutarci nella raccolta.

Siamo sicuri di trovarne davvero tante e ci diamo un obiettivo: raggiungere i 5 chili!

Parcheggiamo la macchina all’inizio del sentiero che porta nel bosco, proprio davanti ad un bellissimo campo pieno di balle di fieno (che adoro, mi piacciono molto) e notiamo che anche intorno al campo ci sono diversi rovi.

Ci inoltriamo subito nel bosco dove i bimbi si divertono a giocare “alle avventure” ed iniziano a raccogliere rametti e ramoscelli che dovremo poi rigorosamente portare a casa e che andranno ad alimentare la ormai copiosa collezione che campeggia in giardino di fronte al cancelletto laterale.

Con nostra immensa delusione ci accorgiamo quasi subito che i bellissimi fiori che abbiamo visto due mesi fa non hanno dato i loro frutti, o meglio, li hanno dati ma non sono arrivati a maturazione e, quei pochi che ci sono arrivati, non sono così invitanti come ci saremmo aspettati.

Non disperiamo e torniamo verso la macchina; diamo un’occhiata ai rovi attorno al campo di grano e, meraviglia delle meraviglie, ci sono delle bellissime more. I bimbi hanno perso la fantasia di aiutarci nella raccolta (ma l’hanno mai avuta???) ma noi ci rimbocchiamo le maniche, non vogliamo tornare a casa a mani vuote.

L’obiettivo che ci eravamo dati è miseramente fallito (è stato raggiunto solo per metà) però siamo riusciti ugualmente ad aggiungere altri vasetti di profumatissima marmellata nella nostra dispensa.

Annunci