Finalmente oggi, riusciamo a tornare al Community Garden dopo più di un mese (tra vacanze di Pasqua, volo a Roma etc. di tempo ne è passato).

Ormai i bimbi si muovono sempre più volentieri e sempre più spesso in bicicletta per cui, anche per questo appuntamento, vogliono prendere le loro bici.

DSCN2784Anche oggi ci sono un paio di bambine con cui i nostri possono intrattenersi ed in più è venuta anche una ragazza francese, Cecile. Questo gruppo sta diventando internazionale!

Oggi c’è un gran fermento perché le cose da fare sono tante.

F è strafelice per essersi autoincaricato di piantare le patate, le sue preferite!

DSCN2788C’è chi si dedica ad altri travasi.

DSCN2787Nel politunnel le semine vanno a meraviglia ed è pieno di germogli che speriamo di veder crescere abbondantemente e dare i loro frutti quando sarà il momento.

Per quanto mi riguarda semino anche qui del basilico e poi mi dedico alla toelettatura delle fragole per prepararle alla nuova stagione produttiva.

Ovviamente non potevamo non finire in bellezza con una buona tazza di tè da bere in compagnia prima di salutarci.

DSCN2792Sulla strada di casa mi sono imbattuta in questi bellissimi fiorellini di aglio selvatico che stanno spuntando al bordo del marciapiede (ce ne sono tantissimi).

DSCN2796Ovviamente tornando a casa ho voluto dare un’occhiata al mio semenzaio (bugia, lo guardo e lo curo diligentemente ogni giorno) che mi sta dando una discreta soddisfazione e sta alimentando la speranza di riuscire a raccogliere e mangiare qualcosa di autoprodotto (finora sono spuntati i pomodori ciliegini, la lattuga, le zucchine, la bieta e l’aglio sembra procedere tranquillamente la sua crescita).

Purtroppo ancora non c’è traccia di basilico e dei pomodori portati dall’Italia (forse sono stata troppo precipitosa e li ho piantati troppo presto quando ancora faceva freddino) per cui oggi pomeriggio mi preparo per una nuova semina (la terza!) nella speranza di vedere qualcosa germogliare.

Anche il giardino si è ormai risvegliato sotto il calore del sole primaverile e sta mostrando nella sua semplicità la bellezza di tutta la biodiversità che si è creata con gli anni in cui è rimasto incolto.

Ovviamente è tutto selvatico ed ovviamente la maggior parte di quello che c’è è catalogato tra le cossidette “erbacce”, che in teoria dovremmo togliere, però se si osserva con sguardo più attento si riescono a trovare dei veri tesori della natura. Il giardino è ormai maculato di giallo e viola (oltre che ovviamente di verde ma anche di bianco di alcune margherite e di fiorellini minuscoli), ci sono le primule selvatiche (che ho scoperto essere solo quelle gialle) e delle violette che a me piacciono particolarmente, oltre ad altri fiori gialli di un colore molto intenso di cui non conosco il nome ma che ho scoperto essere particolarmente infestanti (ed infatti il nostro giardino ne è quasi ricoperto).

Anche le varie piantine di fragoline selvatiche che avevo scoperto non tanto tempo fa sembrano promettere bene con tutti quei fiorellini che speriamo si trasformino presto in dolcissime fragoline. Mi viene l’acquolina in bocca al solo pensiero.

DSCN2821

Annunci