F aveva letto di questo festival nella cittadina di Bandon, a circa 40 km da casa, così dopo aver preparato un picnic da portarci dietro ci mettiamo in macchina e partiamo.

Arriviamo un po’ presto ma già si respira l’aria festosa e iniziamo a vedere in giro persone in costumi tradizionali.

Poco dopo arriva la banda.

DSCN4795I bimbi si cimentano poi nella forgiatura delle monete antiche con lo stemma della città.

Poi entriamo nel palazzo di fronte la piazzetta dove i bimbi vengono mascherati con tanto di scudi (di cartone!) e spade (fatte di palloncini). Loro, ovviamente, entrano subito nella parte.

DSCN4804Torniamo fuori e scopriamo tutto uno spazio in allestimento dove alcune associazioni che si occupano dello studio della storia medievale (usi, costumi, arte della guerra, artigianato etc.) mostrano uno spaccato della vita di quel tempo.

C’è molto spazio per armature ed armi di ogni tipo e ci fermiamo a parlare un bel po’ con questo bell’arciere che ci spiega, con orgoglio, le diverse frecce (costruite personalmente da lui) che venivano utilizzate per i diversi scopi.

Due soldati ad un certo punto richiamano l’attenzione di tutti i bambini presenti (e mascherati) e li esortano a seguirli…..sul campo di battaglia dove insegneranno loro come combattere. I nostri due grandi si uniscono alle truppe mentre il piccolo rimane a guardare.

Ci fermiamo poi ad ascoltare un gruppo che suona e canta musica tradizionale prima di allestire il nostro picnic.

Dopo pranzo rientriamo nel palazzo dove è stato predisposto un teatrino per uno spettacolino di marionette del quale capisco sì e no la metà delle parole, ok, capisco il senso della storia, che è la storia della città, ma molte delle battute rimangono un mistero per me, sarà anche che la platea di bambini non è proprio silenziosa…..

DSCN4848Finito lo spettacolo dentro, ne andiamo a vedere un altro fuori, di un vero artista di strada, a metà tra un giocoliere ed un acrobata, simpatico, carino e decisamente molto organizzato che riesce anche a coinvolgere alcune persone tra il pubblico.

Ancora un po’ di musica tra bande ed orchestra e poi è ora di tornare a casa.

Grazie Pops, anche questa è stata una bella giornata trascorsa tutti insieme alla scoperta di un altro pezzettino d’Irlanda.

 

Annunci